Sitemap

Perché e come sfruttare gli annunci video sulla scia del COVID-19

Il COVID-19 ha creato sfide uniche sia per i consumatori che per le aziende.

Le aziende sono alla ricerca di modi economici per sfruttare le vendite.

I consumatori cercano contenuti, ora più che mai, per vari motivi.

Il video potrebbe essere l'intersezione in cui quei mondi si scontrano.

Se sei un marchio o un'agenzia e non hai sfruttato i video in passato, ora potrebbe essere il momento giusto per fare un giro.

Parliamo del perché e di come i video possono avere più impatto che mai.

Le persone cercano una connessione, che le sta guidando verso i contenuti video

La pandemia ha lasciato molte persone nelle loro case con contatti limitati con amici e familiari, o solo persone in generale, a parte telefonate, messaggi e chat video.

Di conseguenza, le persone sembrano rivolgersi ai social media e ai contenuti video in varie forme come fonte di intrattenimento, istruzione e (potenzialmente) come fonte di connessione umana.

Bloomberg ha riferito che verso la fine di marzo YouTube ha iniziato lo streaming in definizione standard (anziché HD) per aiutare a preservare la larghezza di banda in tutto il mondo.

Questa decisione è stata presa dopo che è stata richiesta dalle autorità di regolamentazione dell'UE, insieme ad altri siti di social e streaming, a causa del maggiore utilizzo.

Think with Google ha offerto alcuni esempi di modi in cui i creatori di video possono entrare in contatto con il pubblico.

Alcune ricerche rapide su Google Trends (filtro per le ricerche su YouTube) possono anche aiutarti a guardare le tendenze e gli interessi rilevanti per la tua attività.

Ecco solo alcuni esempi delle tendenze di ricerca di YouTube che sono aumentate dall'inizio del distanziamento sociale.

Ricerche su problemi e sfide che sono stati presentati a seguito della pandemia

Cerca contenuti su nuovi hobby, come fare le cose da sé e modi per passare il tempo

Cosa significa questo per gli inserzionisti?

I consumatori si stanno rivolgendo ai contenuti video per vari argomenti.

Ci sono buone probabilità che il tuo pubblico sia sui social media, consumando contenuti video.

Dare un'occhiata a Google Trends può darti un'idea se il tuo pubblico si sta rivolgendo a YouTube e, più specificamente, quali argomenti di contenuto stanno cercando.

L'inventario è meno competitivo: CPV e CPM sono bassi

I miei clienti che hanno continuato a pubblicare annunci su YouTube durante la pandemia hanno visto CPV sempre più bassi, il che ha portato a CPL inferiori.

Sebbene i tassi di conversione varieranno in base al settore e all'inserzionista, la diminuzione dei CPV indicherebbe che altri inserzionisti si stanno ritirando da YouTube.

Certo, questo è aneddotico ma il recente sondaggio di Emarketer sembrerebbe convalidare queste ipotesi.

I risultati hanno indicato che il video digitale ha subito alcune delle più alte ricadute da parte degli inserzionisti di tutti i canali, mentre le visualizzazioni dei video di YouTube hanno continuato ad aumentare.

(Per ulteriori approfondimenti sugli studi di Emarketer e sulle opinioni di altri esperti di marketing sulle tendenze e sui risultati di COVID-19, consulta l'articolo di Susan Wenograd, Cosa sta succedendo alle prestazioni dei media a pagamento durante COVID-19.)

Non è solo YouTube, però.

Gli inserzionisti si stanno ritirando anche da Facebook e Instagram, che sono anche canali davvero forti per promuovere i video.

Gli inserzionisti con cui collaboro hanno riscontrato una riduzione del CPM del 30% e maggiore nelle loro campagne Facebook, portando a una maggiore esposizione a costi inferiori e, soprattutto, sostanziali cali del CPL.

Cosa significa per te?

Se in passato hai pensato di testare le creatività video ma hai evitato per paura dei costi, ora potrebbe essere il momento giusto.

L'inventario pubblicitario è probabilmente più economico di quanto non lo sia stato da un po' di tempo.

Hai l'opportunità di eseguire test e raccogliere dati a un budget inferiore a quello normalmente richiesto.

Cose da fare e da non fare creative

Ci sono alcune cose da fare e da non fare che dovrebbero essere considerate nelle circostanze attuali.

Per uno, quasi tutti stanno avvertendo dei grandi cambiamenti in alcuni, se non in tutti, gli aspetti della loro vita.

I consumatori si stanno adattando a una nuova normalità e stanno imparando nuovi modi di fare le cose.

Stanno affrontando gli effetti collaterali di una pandemia che potrebbero includere cambiamenti di reddito, mancanza di interazione sociale e preoccupazione per la propria salute e quella dei propri cari.

Ora più che mai è importante prestare molta attenzione al tuo messaggio.

Cose creative

Rimani sul marchio

Dovresti rivedere le creatività che erano in esecuzione prima della pandemia, se non l'hai già fatto, perché lo stesso messaggio potrebbe non essere applicabile.

Detto questo, mantenere la coerenza con il tono del tuo marchio è ancora importante a lungo termine.

Sii empatico

Ma non esagerare.

Sii genuino.

Guarda il tuo tono

Le cose che potresti aver detto prima negli annunci potrebbero non essere la soluzione giusta, in questo momento.

Ho visto un annuncio che menzionava una "strategia per eventi killer".

Sul serio?

Yikes.

Anche se ha funzionato prima, ricontrolla il tuo tono.

Risolvere un problema

Questa è solo una buona pratica, nel mezzo di una pandemia o meno.

Lascia che il tuo annuncio mostri come puoi aiutare.

Creativi da non fare

Non sforzarti di tirare le corde del cuore

Molte persone usano i social come un modo per divertirsi e prendersi una pausa dalle notizie.

Inoltre, potrebbe sembrare falso.

Questo spot satirico condiviso da AdAge è un promemoria ironico che i consumatori vedono attraverso questo tipo di tattica.

Non usare la paura, l'incertezza e il dubbio (FUD) come motivatore

Ce n'è abbastanza in giro senza l'aiuto degli inserzionisti.

Inoltre, studi recenti hanno dimostrato che gli spettatori cercano contenuti edificanti.

Non essere troppo commerciale o capitalista

Può esserci una maggiore sensibilità a tattiche come questa, specialmente in tempi come questi.

Non utilizzare COVID-19 come strategia di promozione

Non farlo.

Ho visto un rivenditore di biancheria intima utilizzare una promozione in cui ogni paio acquistato avrebbe contribuito anche con un paio da donare agli operatori sanitari in prima linea.

È stato un tentativo molto velato di usare la pandemia per promuovere il loro prodotto.

Non so voi, ma la biancheria intima non è qualcosa di cui ho sentito parlare di medici e infermieri che richiedono donazioni, quindi è anche risultato sconnesso e, onestamente, semplicemente strano.

Preoccupazioni per la produzione di contenuti?Non lasciare che ti fermi

La produzione di contenuti di livello amatoriale non è solo accettabile, è facilmente riconoscibile.

Lo direi quasi sempre, comunque, ma è particolarmente vero in questo momento.

C'è qualcosa in un video fatto in casa che può sembrare autentico indipendentemente da quando viene prodotto... ma in questo momento, con così tante persone che lavorano in telelavoro, inclusi gli host di talk show nazionali, i contenuti video approssimativi sono la norma.

Non sei ancora a tuo agio?

YouTube ha recentemente lanciato un nuovo generatore di video, che potrebbe essere più veloce.

Esistono anche diversi strumenti di produzione video online che ti consentono di creare video animati o video con le tue immagini esistenti e B-roll.

Che cosa significa questo per voi?

Se la produzione video è stata il tuo ostacolo, non lasciare che questa sia la tua barriera all'ingresso in questo momento.

Ancora più importante: gli annunci video possono funzionare davvero bene

Se riesci a metterti di fronte al pubblico giusto, gli annunci video possono funzionare davvero bene.

Per tenere sotto controllo l'andamento dei tuoi annunci video, monitora il rendimento delle tue campagne video come campagne dell'ultimo tocco, ma assicurati anche di:

  • Crea un pubblico di spettatori di video e monitora le loro prestazioni.
  • Remarketing dei visualizzatori di video che non hanno convertito.
  • Monitora le conversioni view-through delle campagne video.
  • Monitora l'incremento della ricerca con il brand in seguito al tuo investimento in campagne video.

Altre risorse:


Crediti immagine

Tutti gli screenshot presi dall'autore, aprile 2020