Sitemap

Cosa abbiamo imparato sul "Diritto di monetizzare" di YouTube; Brief giornaliero di martedì

Il brief quotidiano di Search Engine Land presenta approfondimenti quotidiani, notizie, suggerimenti e consigli essenziali per il marketing dei motori di ricerca di oggi.Se desideri leggerlo prima che lo faccia il resto di Internet, iscriviti qui per riceverlo quotidianamente nella tua casella di posta.

Buongiorno, Marketers, avete posto le domande, ho ricevuto alcune delle risposte.

Alcune settimane fa abbiamo segnalato il "Diritto alla monetizzazione" di YouTube, la modifica ai Termini di servizio che consente all'azienda di pubblicare annunci sui contenuti di canali che non partecipano al Programma partner di YouTube.Alcuni di voi mi hanno contattato con le vostre domande, le ho passate a YouTube, ecco cosa ho imparato:

  • Non c'è modo per i creatori di disattivare questi annunci.
  • YouTube non pubblicherà annunci su live streaming o video incorporati.
  • Possiamo aspettarci che lo spazio pubblicitario di YouTube aumenterà a seguito di questa modifica.
  • Se la domanda rimane stabile, l'inventario ampliato risulterebbe in campagne più efficienti.

È possibile che la domanda aumenti man mano che più settori dell'economia riprendono a operare a livelli pre-pandemici, ma la mia previsione è che ciò dovrebbe significare prezzi pubblicitari più bassi, se ciò significa qualche cambiamento per la spesa pubblicitaria.Per favore DM me @geochigu o email me (riga dell'oggetto: ricorda di mettere mi piace e iscriversi) a [emailprotected] se noti modifiche che ritieni siano il risultato dei nuovi ToS di YouTube.

Giorgio Nguyen,
Editore

Le campagne Gmail autonome diventeranno "di sola lettura" a partire dal 1 luglio

A gennaio, Google Ads ha inviato un'email agli inserzionisti informandoli che non potranno creare nuove campagne Gmail autonome o modificare quelle esistenti a partire dal 1° luglio 2021.Le campagne Gmail continueranno a essere pubblicate per "una lunga durata", secondo l'avviso via email, e gli inserzionisti potranno ancora sospendere o eliminare le loro campagne Gmail.

Andando avanti, gli inserzionisti dovranno creare una campagna discovery se vogliono che i loro annunci vengano visualizzati su Gmail.

Ulteriori informazioni sul cambiamento.

iOS 15 migliora Apple Maps e aggiunge indicazioni stradali AR

Mappe Apple in iOS 15.Immagine: mela.

L'aggiornamento iOS 15 di Apple migliora la sua app Mappe con dettagli migliorati nelle città per quartieri, distretti commerciali, prospetti ed edifici, oltre a una modalità notturna e nuovi colori ed etichette stradali, ha annunciato ieri la società al suo evento WWDC.Oltre a questi miglioramenti, la società ha anche annunciato indicazioni stradali per camminare in realtà aumentata.

Perché ci preoccupiamo.Apple Maps era considerato da molti un prodotto semicotto quando è stato lanciato per la prima volta.Sono passati diversi anni e ora l'azienda sembra prenderlo molto più sul serio.Queste funzionalità aiutano Apple a raggiungere la parità con Google Maps, il che è importante poiché Google Maps è una parte cruciale delle offerte commerciali locali del motore di ricerca.Se Apple riesce a raggiungere Google, o semplicemente offre agli utenti un motivo sufficiente per rivolgersi ai propri servizi durante la ricerca di attività locali, ciò potrebbe rappresentare una minaccia per il dominio di Google nel settore.

Google per adeguare la tecnologia pubblicitaria dopo l'accordo con la commissione antitrust francese

Oltre a pagare una multa di 268 milioni di dollari, Google ha accettato di adattare la sua tecnologia pubblicitaria per fornire maggiore flessibilità e trasparenza, oltre a migliorare il modo in cui i suoi servizi di Ad Manager funzionano con gli ad server e le piattaforme di vendita rivali.

Google apporterà due modifiche principali alla sua tecnologia pubblicitaria: fornire maggiore flessibilità e trasparenza a rivali ed editori. "Lavoreremo per creare una soluzione che assicuri che tutti gli acquirenti con cui lavora un publisher... possano ricevere uguale accesso ai dati relativi ai risultati dell'asta di Ad Manager", ha affermato Gomri.Sul fronte della flessibilità, Google consentirà ora ai partner di "impostare regole di determinazione del prezzo personalizzate per gli annunci che rientrano in categorie sensibili e di implementare modifiche ai prodotti che migliorano l'interoperabilità tra Ad Manager e ad server di terze parti".

Perché ci preoccupiamo.Questa decisione e la risposta di Google significano che sarà più facile per gli editori utilizzare gli strumenti di tecnologia pubblicitaria di Google e imparare dai dati, il che significa potenzialmente più opzioni per gli editori che utilizzano gli annunci per aumentare le entrate e finanziare i contenuti.

Leggi di più qui.

Google non conosce limiti (di indicizzazione), la scomparsa del tank man e Zuckerberg continua il suo manzo con Apple

Google ha un limite di indicizzazione?"In breve, no", ha affermato John Mueller di Google in una recente edizione di #AskGooglebot.Nel video, Mueller ha anche spiegato che l'algoritmo di Google "cercherà generalmente di concentrare l'indicizzazione sulle pagine che hanno senso da indicizzare". “Quindi, se si tratta di un sito web completamente nuovo, probabilmente non andremo a indicizzare milioni di pagine; tuttavia, se abbiamo visto che ne vale la pena, saremo felici di farlo", ha detto.

"Non ci sono risultati per tank man."La scorsa settimana ha segnato il 32° anniversario della protesta di piazza Tienanmen, che ha prodotto il "tank man", una delle fotografie più iconiche di tutti i tempi.Il governo cinese blocca la distribuzione dell'immagine e censura le discussioni intorno a piazza Tienanmen, ma Bing ha anche censurato i risultati della ricerca di immagini per la query "tank man", anche da indirizzi IP nel Regno Unito e negli Stati Uniti, ha riferito Vice. "Ciò è dovuto a un errore umano accidentale e stiamo lavorando attivamente per risolverlo", ha affermato un portavoce di Microsoft.Il problema sembra essere risolto ora, ma che tipo di errore umano comporterebbe il blocco dei risultati delle immagini in quella data particolare?

A proposito, ecco quanto Google e Apple ti stanno prendendo.Con affetto, Zuck.A poche ore dall'evento WWDC di Apple, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha annunciato che il social network manterrà gli eventi online a pagamento, gli abbonamenti dei fan e i badge gratuiti per i creatori fino al 2023. "Stiamo anche lanciando una nuova interfaccia di pagamento in modo che i creatori possano vedere in che modo le tasse e le tasse delle diverse società stanno influenzando i loro guadagni", ha commentato casualmente il suo stesso post.The Verge ha un bell'esempio dell'interfaccia di pagamento e quella commissione di $ 0 di FB è in netto contrasto con le commissioni di Google e Apple.Facebook prevede di iniziare ad addebitare i creatori a un certo punto e, quando lo farà, sarà "meno del 30% che Apple e altri prendono",ha detto Zuckerberg.

Dai ai tuoi dipendenti la possibilità di WFH o qualcun altro lo farà

Immagine: Notizie Bloomberg.

Secondo un sondaggio di maggio su 1.000 adulti statunitensi condotto da Morning Consult per conto di Bloomberg News, quasi due lavoratori su cinque (39%) hanno affermato che avrebbero preso in considerazione l'idea di dimettersi se i loro datori di lavoro non fossero flessibili sul lavoro a distanza.Quella statistica diventa quasi la metà (49%) se guardi solo ai millennial e ai membri della Gen Z.

Il grande asporto dell'articolo di Bloomberg è proprio nel titolo: "I dipendenti stanno smettendo invece di smettere di lavorare da casa".I principali vantaggi (mostrati sopra) potrebbero essere sufficienti per cambiare le preferenze dei lavoratori, ma ciò che potrebbe rendere questo un turno permanente è la carenza di manodopera e la nuova posizione dell'alta dirigenza: meno di un dirigente su cinque ha dichiarato di voler tornare al periodo pre-pandemia routine di lavoro, secondo un sondaggio PwC condotto a gennaio su 133 dirigenti.

Presumo che i professionisti siano più disposti a lasciare i lavori che non offrono WFH perché sono fiduciosi che saranno in grado di trovare una posizione comparabile che lo faccia.E, poiché questa preferenza è così prevalente tra la fascia demografica lavorativa più giovane, gli ambienti di lavoro a cui ci siamo abituati durante la pandemia potrebbero assomigliare molto al modo in cui le aziende opereranno da qui in poi.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore ospite e non necessariamente di Search Engine Land.Gli autori dello staff sono elencati qui.